Loreo

Sto caricando…
  • Localizzazione del territorio

  • Chiesa di S. Maria Assunta

  • Torre civica con orologio e portici

Loreo risente ancora oggi dell’impronta veneziana nell’architettura, nel colore delle case, delle calli, dei portici e delle piccole piazze.

Chiese e luoghi di culto

santamariaassuntaChiesa di S. Maria Assunta
L’edificio originale, sorto nel XV secolo, venne in seguito rimaneggiato prima nel XVII secolo, innalzando una facciata barocca progettata da Baldassare Longhena, ed infine nel XVIII secolo assumendo l’aspetto che appare al giorno d’oggi. L’interno contiene opere pittoriche di scuola veneta, tra cui Antonio Vassilacchi (XVI secolo), Pietro Damini e Andrea Vicentino (XVII secolo) e Antonio Marinetti (XVIII secolo). (Piazza Del Longhena – Loreo)

 

 

oratoriosstrinitaOratorio della SS. Trinità
Fu eretto nel 1613 e restituito all’antico splendore con i restauri del 2010. Contiene un prestigioso altare marmoreo raffigurante la Santissima Trinità. L’edificio è sede dell’antica “Scuola dei Fradei”, la Confraternita della Santissima Trinità che ancora oggi si riunisce per la celebrazione di un antico rito di flagellazione. (Piazza Del Longhena – Loreo)

 

 

loreo-chiesa-della-madonna-del-pilastroChiesa della Madonna del Pilastro
La chiesa della Madonna del Pilastro, una delle più antiche del Polesine venne edificata nel 1153 e ristrutturata nel 1553, si trova nella località omonima. Pregevole edificio meta della processione notturna dei “Fradèi” conserva al suo interno un grande dipinto ex voto che narra per immagini l’apparizione e i fatti miracolosi della Madonna del Pilastro. (Via Madonna del Pilastro – Pilastro)

 

 

Chiesetta del Fontego
Pittoresca e suggestiva cappella risalente al XVIII secolo, in cui era esposto l’affresco della Beata Vergine della Carità. Nel 1739 la miracolosa immagine della Madonna venne trasferita nel vicino duomo di Loreo. (Piazza Madonnina – Loreo)

 

Musei

antiquariumloreoL’Antiquarium di Loreo
Nasce dalla necessità di rendere visibile e “visitabile” il sito romano di Corte Cavanella che per ragioni di gestione e di particolarità geologiche del territorio deltizio non può essere completamente riportato alla luce. Il centro focale della raccolta è rappresentato dai materiali rinvenuti negli scavi della grande villa rustica di Corte Cavanella. I reperti presentati consistono perlopiù in vasellame da cucina, oggetti di lusso, vasellame da mensa e oggetti d’arredo della villa. Grandi pannelli illustrano la storia del territorio di Loreo. Una seconda sala presenta reperti di imbarcazioni e testimonianze della tradizione di carpenteria navale e degli antici traffici.

INFO
Antiquarium di Loreo
Riviera Marconi, 53
45017 – Loreo – RO
Tel. +39 0426.336811 – Fax +39 0426.669186
E- mail: loreo@comune.loreo.ro.it

ORARI
L’Antiquarium è aperto il martedì e il sabato dalle 9.30 alle 11.30.
E’ possibile effettuare visite guidate anche in altri giorni ed orari per classi di alunni o gruppi di adulti previa prenotazione (cell. +39 328.9513554).

>> Visita il sito del museo (IT-DE-EN)

 

Luoghi d’interesse

loreo-torre-civica-con-orologioTorre civica con orologio
Simbolo di Loreo, la torre civica o dell’orologio risale al XVIII secolo. Restaurata nel corso del XIX secolo. Ornata da una bella scalinata, riporta su una fiancata lo stemma turrito della città, ora sede dell’Antiquarium. (Riviera G. Marconi – Loreo)

 

 

 

teatrozagoTeatro Zago
Unico edificio del centro storico d’origini nettamente più recenti è il Teatro Zago. Costruito nel 1891 sulla struttura della chiesa sconsacrata dei Santi Pietro e Monica ne ereditò la pianta rettangolare. Nel 1919 subì una ristrutturazione, con l’aggiunta della loggia al piano superiore, la decorazione della sala e del soffitto e il rifacimento della facciata in stile liberty. Dal 1962 è stato utilizzato solo come cinema fino alla chiusura totale del 1981. (Piazza S. S. Pietro e Monica, 20 – Loreo)

 

 

loreo-portici-lungo-canalePortici lungo il canale
Dal 1694, rappresentavano il cuore produttivo della città. Vi transitavano infatti buona parte dei traffici destinati a risalire il Po verso Sud. Edifici porticati sui bordi del canale, testimonianza della passata presenza della Serenissima.  (Riviera G. Marconi – Loreo)

 

 

 

municipioloreoMunicipio
Probabilmente del XVIII secolo
(Piazza Municipio, 4 – Loreo)

 

 

 

villa-vianelliVilla Vianelli
Grande costruzione rettangolare in pietra con due brevi ali arretrate, nettamente barocca, in una grande corte agricola. La facciata è ornata da bei fregi e i soffitti sono decorati.  (Via Tornova, 3398 – Tornova)

 

 

 

loreo-corte-ca-negraTenuta Cà Negra
Ospita un’importante azienda agricola chiamata appunto Tenuta Ca’ Negra, che copre una distesa di 500 ettari divisi fra le due province di Venezia e Rovigo. Prima apparteneva a una nobile famiglia veneta, la famiglia del Barone Franchetti. (Via Ca’ Negra, 2759 – Loreo)

 

 

 

cortepapadopoliCorte Papadopoli
Nella piccola frazione di Retinella, la famiglia Papadopoli, originaria di Corfù, stabile a Venezia dal 1700, acquistò 10.000 ettari di terreno a destra e sinistra del Canalbianco. Questa corte, di fronte al ramo chiuso del canale Naviglio, è costituita da un gruppo di edifici circondati da mura. (Retinella)

 

 

loreo_oasiOasi di Volta Grimana
Preziosa riserva naturalistica, condivisa tra Loreo e Porto Viro, tra Po Grande e Po di Levante. Riconosciuta e tutelata a livello comunitario

 

 

 

excarceriex Carceri – Biblioteca
L’esistenza di questo edificio è documentata fin dal 1537. Attualmente ospita la Biblioteca “Piergiorgio Bassan”. L’interno è davvero particolare: i muri e le scale, rigorosamente storti, trasmettono un curioso senso di vertigine. (Calle San Marco, 11 – Loreo)

 

 

 

Storia

I primi insediamenti in questa zona, un tempo molto paludosa, risalgono a epoca romana; a questi subentrarono in seguito stanziamenti di romani, i quali ne fecero una loro colonia, dando vita ai primi nuclei abitati. Durante l’alto Medioevo il territorio fu sotto i bizantini e successivamente venne assoggettato al dominio veneziano che fu caratterizzato non solo da numerose crisi e congiure sia all’interno che all’esterno del ducato, ma anche da grandi opere di bonifica, rese necessarie dalle continue alluvioni del Po e dell’Adige provocate dall’intasamento delle foci. Sul finire dell’XI secolo, con la firma dell’accordo militare fra Venezia e Loreo, con cui si riconoscevano agli abitanti vari privilegi, in cambio della difesa del castello, posto al confine tra i possedimenti veneziani e quelli ferraresi; si registrò una crescita del centro, testimoniata dall’erezione di numerosi edifici. Governata da un podestà, restò sotto la Repubblica veneta fino al 1797, data del declino della Serenissima, ma continuò a far parte della provincia di Venezia anche nel corso dell’occupazione austriaca. Annessa al Regno d’Italia nel 1866, mantenne la giurisdizione stabilita dagli austriaci sui comuni di Donada, Contarina e Rosolina, rimanendo sede di pretura fino alla riforma effettuata dal fascismo. Nel 1929 vi fu aggregato il comune di Rosolina. L’alluvione del Po nel 1951 causò notevoli danni, che determinando una massiccia emigrazione, provocarono un calo consistente nel numero degli abitanti. 

 

Informazioni utili

Pro Loco Loreo
Piazza Madonnina, 3
Cell. 327 1911528 – Fax: 0426 669186
e-mail: prolocoloreo@virgilio.it

EVENTI : 

Brusavecia
6 gennaio
Grande falò con la befana, “la vecia” che arde al centro del Canale Naviglio e a seguire spettacolo pirotecnico. Sotto gli antichi portici degustazione gratuita bevande e attrazioni varie.

Sagra del Pane
Terza domenica di giugno – Centro città, antichi portici, Piazza Madonnina, Piazza Longhena, Piazza Matteotti.
Durante la giornata sono presenti numerosi stands per la degustazione gratuita di pane, formaggi, vino e miele e vengono rievocati e rappresentati i vari momenti dell’arte di fare il pane. Al termine spettacolo pirotecnico sul Canale Naviglio.

Fiera di San Michele
29 settembre – Centro città, antichi portici, Piazza Matteotti, Via Roma, Piazzale Europa, Canale Naviglio.
Storica manifestazione che dal 1337 attira ogni anno tantissimi visitatori. Numerosi sono gli stands espositivi e immancabile è lo spettacolo pirotecnico sul Canale Naviglio.