Costa di Rovigo

Sto caricando…
  • Localizzazione del territorio

  • Piazza e Chiesa di S. Rocco

  • Villa Sandi

Dalla piazza sono visibili la chiesa di San Giovanni Battista, la chiesa di  San Rocco e l’oratorio di S.Maria Assunta.

Chiese e luoghi di culto

 

chiesasgiovannibattistaChiesa di S. Giovanni Battista
La prima costruzione avvenne tra il 1162 e il 1167. In seguito la chiesa fu ampliata e ristrutturata diverse volte. Una di queste ricostruzioni risale al 1300 come ricorda una lapide che si può ancora osservare sulla facciata della chiesa. Un ulteriore restauro risale ai primi decenni del 1500. La solenne consacrazione dell’edificio avvenne il 2 luglio 1532. Nei primi anni del 1800 il soffitto della chiesa venne innalzato di oltre tre metri e quindi affrescato da Giovanni Battista Canal, di scuola veneziana. (Via Umberto I – Costa di Rovigo)

 

 

chiesasanroccoChiesa Parrocchiale di S. Rocco Confessore
La costruzione dell’edificio risale al periodo 1593 – 1605 per volontà degli abitanti di Costiola che presero l’impegno e l’onere economico della costruzione della chiesa e del mantenimento del futuro parroco. All’interno si possono ammirare alcuni affreschi di Giovanni Battista Canal (1745 –1825) e un impianto organario di Gaetano Callido (1782, op. 189) tutt’ora funzionante. (Piazza S. Rocco – Costa di Rovigo)

 

 

oratoriosmariaassuntaOratorio di S. Maria Assunta detta dei Battuti – Sacrario ai Caduti per la Patria
L’oratorio fu benedetto nell’anno 1636 come si può rilevare dalla iscrizione posta sul frontone dell’altare di Verona. Nel 1785 l’oratorio viene riedificato perché in gravi condizioni di stabilità e probabilmente acquisisce l’aspetto esterno attuale con l’aggiunta del campanilino settecentesco. La facciata dell’edificio è impreziosita da tre statue collocate sul timpano: al centro Madonna con Bambino con ai lati statue in pietra di figura femminile distesa Il 25 giugno 1961 l’edificio è dedicato ai Caduti per la Patria. Il Monumento mantiene al suo interno, dell’originale Oratorio, l’altare di Verona, due confessionali ed un’acquasantieria in pietra scolpita. (Piazza S. Giovanni Battista – Costa di Rovigo)

 

Musei

Museo etnografico “a l’alboron” di Costa di Rovigo

museocosta2Il Museo raccoglie, archivia e valorizza documenti e reperti storici relativi alla storia sociale, economica e religiosa del territorio di Costa di Rovigo. Trattandosi di una realtà socio-economica a vocazione prevalentemente agricola, il museo si fregia di un percorso tematico ed espositivo incentrato principalmente sul ritmo delle stagioni che, dai tempi più remoti, hanno profondamente plasmato la vita delle comunità contadine regimentandone le risorse alimentari e la disponibilità di materie prime. Dopo una breve presentazione della pianura di Costa di Rovigo e della sua genesi, il visitatore ha modo di seguire il divenire del ciclo produttivo annuale, testimoniato dai numerosi e particolari attrezzi agricoli, di immedesimarsi in un ambiente domestico, di apprezzare l’essenzialità delle mansioni artigiane e di acquisire informazioni sulla storia di questo piccolo ma antico nucleo abitativo sorto sugli argini dell’Adigetto.

 

INFO
Presso Palazzo Bighetti, via Dante 286 – Costa di Rovigo
tel. 0425 497272 (Municipio) tel. 0425 497107 (Biblioteca)
info@comune.costadirovigo.ro.it

ORARI
Ogni sabato (escluso i festivi) dalle ore 15.00 alle ore 18.00
Visite guidate su prenotazione il giovedì
Ingresso gratuito

 

Luoghi d’interesse

 

villasandiVilla Sandi
La Villa – già esistente agli inizi del XIX secolo – venne acquistata nel 1886 dal conte Stefano Medina di Lastra, che intervenne con una radicale ristrutturazione conclusasi nel 1889 ed attuata secondo criteri alquanto originali che ricordavano al conte stesso le origini Dalmato-Veneziane della sua famiglia ed i lungi soggiorni in Oriente.
Esternamente l’edificio principale si presenta con tutta la sua originalità architettonica dovuta alla commistione fra elementi classici (le cornici in marmo, la severa e simmetrica ripartizione della aperture) e l’inserimento di elementi decorativi in cotto sul corpo ad Ovest e sulle facciate retrostanti prospicienti il giardino. Una pregevole scala composta quasi integralmente da elementi tufacei lavorati, di epoca liberty, immette nel giardino. L’interno dell’edificio conserva tutt’ora il nobile aspetto originario. Villa non visitabile. (Via Guglielmo Marconi, 11 – Costa Di Rovigo)

 

Storia

Il toponimo deriva chiaramente dalla sua ubicazione sulla costa del fiume Adigetto, da cui trasse vita e ricchezza. Come si attesta in alcuni documenti, nel 1115 era sotto il potere degli Estensi e fu oggetto di una disputa tra la Casa d’Este e l’Abbazia di Pomposa, a proposito di una donazione fatta dagli Estensi al monastero benedettino di Murano. Tale disputa venne composta solo nel 1173 con la divisione del paese in possedimenti benedettini ed estensi. Nel 1482 passò sotto il dominio della Repubblica veneta e, seguendo le sorti di Rovigo, vi restò fino al 1797 quando, spentosi l’astro veneziano, iniziò l’occupazione napoleonica, seguita nel 1815 da quella austriaca e nel 1866 dall’annessione al Regno d’Italia.

 

Informazioni utili

Pro Loco Costa di Rovigo
Via Vittorio Emanuele, 18
cell. 345 2787214 – 340 5645275
e-mail: proloco.costadirovigo@gmail.com

EVENTI :

 

Fiera di San Giovanni Battista
Giugno

Pro Loco in Festa – Porto San Giorgio
Luglio

Costa Medievale
Ottobre

Carnevale
Febbraio