Ceneselli

Sto caricando…
  • Localizzazione del territorio

  • Palazzo Comunale

  • Villa Peretti

Contemporaneo alla Chiesa è il campanile, che con i suoi 60 metri è fra i più alti dell’intero Polesine

Chiese e luoghi di culto

 

chiesaceneselliChiesa Parrocchiale dell’Annunciazione
Opera notevole di Vincenzo Santini, arricchita all’esterno da quattro statue (i SS. Pietro e Paolo, la Madonna e l’Arcangelo Gabriele) inserite in altrettante nicchie della facciata. L’armonioso interno, a pianta centrale a forma di croce greca con pavimento in marmo pregiato del XX secolo, custodisce diverse opere d’arte fra cui le seguenti tele: – L’Annunciazione alla Beata Vergine (fine XVII secolo) attribuita a Giacomo Parolini insieme all’Apparizione di Sant’Antonio (inizi XVIII secolo); – L’Estasi di San Francesco d’Assisi, dipinta da Stefano Fegatelli (inizi XVIII secolo). Ma il vero gioiello è la Veneratissima Madonna del Divin Parto, una preziosa scultura policroma della fine del XV secolo. Diverse altre tele, sculture, marmi e pregevoli suppellettili completano il sacro edificio. Il Campanile, tra i più alti dell’intero Polesine (60 metri), svetta elegantemente decorato da una duplice balaustra in pietra di Vicenza bianca. (Piazza Marconi – Ceneselli)

 

 

Luoghi d’interesse

villaperettiVilla Peretti
Si ipotizza fatta edificare dal Cardinale Peretti che in seguito divenne Papa Sisto V.
La Villa è stata interamente affrescata Anselmo Baldissara, di cui ci resta un pregevole soffitto affrescato, nella seconda metà del 700 Giulio Peretti avviò i lavori di rimodernamento in seguito ai quali la Villa venne ingentilita da un raffinato loggiato al centro della facciata, ed un carattere residenziale. (Via Massa, 74 – Ceneselli)

 

 

Palazzo Municipale
Di fronte alla chiesa si trova l’Edificio Municipale, dall’architettura rigorosa, progettato sotto gli Austriaci e costruito nel 1868. (Piazza Marconi – Ceneselli)

 

Storia

I primi insediamenti nella zona risalgono ad epoca antichissima, come provato dal rinvenimento di una punta di freccia scheggiata. A questi primi stanziamenti subentrarono insediamenti romani, stando ai vari reperti ritrovati in loco. Nel corso del Medioevo, dopo essere appartenuta ai Vescovi di Ferrara, passò agli Estensi, la cui signoria, tormentata dalle continue contese con le città di Verona, Mantova e Venezia, si protrasse fino al termine del XVI secolo, allorquando il territorio fu annesso allo Stato della Chiesa. Agli inizi del 1600 la zona fu interessata da una vasta opera di bonifica, registrando una certa crescita, ben presto però vanificata dalla peste introdotta dai Lanzichenecchi nel 1630. Terminato il governo pontificio nel 1797, si aprì all’invasione francese, durante la quale fece parte del dipartimento del Basso Po, per poi passare alla provincia di Rovigo nel corso dell’occupazione austriaca. La già difficile situazione economica si aggravò ulteriormente dopo l’annessione al Regno d’Italia, spingendo molti a emigrare verso zone, come il Brasile, ritenute a torto migliori. Solo in tempi recenti si è avuta una rinascita.

Informazioni utili

Pro Loco Ceneselli
Piazza Marconi, 1
cell. 347 8307667
e-mail: emi.ferraresi@gmail.com

EVENTI : 

La Festa dal Bigul al Torch
Agosto – Presso area verde
Tutte le sere : stand gastronomico e serate danzanti .