Castelnovo Bariano

Sto caricando…
  • Localizzazione del territorio

  • Palazzo Comunale

  • Chiesa di S. Pietro in Polesine

Nel suo nome ricorda il possente castello medievale eretto dagli Estensi e poi distrutto nella metà del 1800

 

Chiese e luoghi di culto

 

castelnovo-bariano-chiesas-antonio-da-padovaChiesa di S. Antonio da Padova
La chiesa risale alla prima metà del XX secolo (1929). La Chiesa costituisce una pregevole opera d’arte ed è uno dei pochi esempi di neo-gotico nella provincia di Rovigo. Sul piazzale della Chiesa, davanti all’entrata, sono posti due leoni accucciati, in marmo rosa, che rappresentano la forza del bene contro il male. L’esterno è maestoso, ha il fronte in mattoni faccia a vista con cornice in cotto a fregi e archi acuti. L’interno della Chiesa è costituito da una navata, nella parte centrale dell’abside, è installato l’organo a canne, acquistato dalla Basilica della Tomba di Adria. (Piazza Municipale – Castelnovo Bariano)

 

 

castelnovo-bariano-chiesas-pietro-in-polesineChiesa di S. Pietro in Polesine
La chiesa fu creata per volontà dei Conti Nappi in un territorio ricco di ritrovamenti archeologici. La Chiesa è stata fondata nel 1751. La facciata è in stile barocco. Due torri campanarie fanno parte integrante della facciata con linee eleganti e imponenti. Gli avvenimenti più importanti che hanno coinvolto la Chiesa dal 1751 al 1927, sono sintetizzati in una lapide posta a destra dell’entrata. All’interno la Chiesa è formata da una navata con tre altari. Da un importante documento conservato nell’archivio parrocchiale della Chiesa di San Pietro Polesine, risulta che il 10 settembre 1923 la Chiesa fu elevata a Monumento Nazionale. (Piazza San Pietro – S. Pietro Polesine)

 

 
Cappella Beata Vergine Maria delle Grazie
Del XX secolo, è utilizzata anche come piccolo sacrario per i defunti.  (Via Rosta – Castelnovo Bariano)

Cappella della Beata Vergine del Rosario
Fine del XIX secolo. All’interno statua della Madonna col Bambino. (Via Spinea – Castelnovo Bariano)

Cappella Madonna col Bambino
Primi anni del XX secolo. (Via Argine Valle – Castelnovo Bariano)

Oratorio di S. Giuseppe
Costruito nei primi anni del XX secolo, è circondato da un piccolo argine per proteggerlo dalle inondazioni. (Via Argine Po – Castelnovo Bariano)

Oratorio S. Antonio da Padova
Fu costruito dalla Famiglia Raisi Rocco dopo la fine della prima guerra mondiale, come ringraziamento per il ritorno a casa. (Via Duranta – S. Pietro Polesine)

 

Musei

museoarcheologicoMuseo Civico Archeologico di Castelnovo Bariano
Il Museo Civico Archeologico di Castelnovo Bariano nasce nel settembre 1982 con l’obiettivo di divulgare la cultura del nostro territorio e di salvaguardare i materiali in esso rinvenuti. Inizialmente in alcune sale vi erano esposti materiali venuti alla luce nella ricerca di superficie nel sito di Canàr, riconducibili al periodo del Bronzo Antico. Successivamente aumentarono i reperti, con il rinvenimento di materiali di altri periodi storici, come quelli rinascimentali di Torretta. Il Museo ha avuto sede per molti anni presso i locali del Municipio; a maggio 1999 è stata inaugurata la sede odierna presso le scuole elementari di San Pietro Polesine.

 

 
INFO
Via Cavo Bentivoglio 5047 – San Pietro Polesine – Castelnovo Bariano (RO)
Tel. +39 0425 850202 – Tel. +39 0425 81281
E-mail: museo@comune.castelnovobariano.ro.it
ORARI
L’apertura domenicale dalle 9.00 alle 12.00
Su appuntamento per visite scolastiche e turistiche tel. +39 042581281
Ingresso gratuito.

> Visita il sito del museo (IT-EN-DE)

 

Luoghi d’interesse

castelnovo_marolaGorgo Marola
Il Gorgo Marola è un laghetto naturale, formatosi nel XVIII secolo a ridosso del Fiume Tartaro. E’ una zona di riproduzione e di sosta di numerose specie di volatili.

 

 

 

 

Storia

I primi insediamenti nella zona risalgono all’età del bronzo, come si è accertato datando i reperti venuti alla luce in recenti campagne di scavi. A tali primitivi stanziamenti seguirono poi insediamenti gallici e romani. Nel corso del Medioevo il feudo, dopo essere appartenuto al monastero di Nonantola, fu donato da Matilde di Canossa, che vi aveva fatto costruire un castello successivamente distrutto dai Mantovani, al vescovo di Ferrara. Nel XIII secolo passò agli Estensi, i quali vi edificarono un nuovo castello: da qui il nome di “Castelnovo”, mentre “Bariano” viene riportato al latino Baro, ‘naviglio’. La signoria estense, nonostante le contese interne alla casata per il controllo sul ducato e la “guerra del sale” fra Ferrara e Venezia, si protrasse fino al 1597, quando fu annessa allo Stato Pontificio. Alla dominazione francese seguì quella austriaca, durante la quale, nel 1848, si rese indipendente dal comune di Massa Superiore costituendosi in comune autonomo. Dopo l’annessione al Regno d’Italia si registrò una forte emigrazione, causata dalla difficile situazione economica, ulteriormente aggravata dalle due guerre mondiali. Del suo illustre passato non rimangono molte tracce, in quanto distrutte dalle alluvioni e rotte verificatesi nel corso dei secoli. Degni di nota sono i reperti archeologici dell’età del bronzo e le ceramiche del tardo 500 conservati nel Museo Civico, e la settecentesca chiesa nella località di S. Pietro in Polesine.

 

Informazioni utili

Pro Loco Castelnovo Bariano
Via Municipale, 21
Cell. 331 3644555
e-mail: lazzarini.francesco@libero.it

EVENTI : 

Falò con arrivo della befana
6 gennaio

Festa Santo Patrono
13 giugno – vie del paese
Santa messa e processione per la vie del paese
Pranzo conviviale

Risottata
Metà luglio
Pranzo conviviale con gruppi musicali

Fiera di San Rocco
Si svolge in più giornate l’ultima settimana di agosto.
Per tutta la durata è attivo uno stand gastronomico; luna park, spettacoli musicali o commedie ed attrazioni varie, mercatino con bancarelle, tombola, spettacolo pirotecnico.